People For Planet notizie ecologia, ambiente, benessere

 

Progetto Tell Me Alfabetizzazione dei migranti attraverso il teatro
A+ A A-

CaCaO Elefante del 21 dicembre 2002 Featured

Rate this item
(0 votes)

Care amiche, cari amici,
Cacao quotidiano va in pausa natalizia. Le trasmissioni riprenderanno il 7 gennaio 2003. Vi auguriamo buon Natale, un felice anno nuovo e una fortuna sfacciata.

Evviva Beppe Grillo!
Noi amiamo quest'uomo.
Ieri sera e' apparso come una luce divina a Striscia la Notizia (ebbene si', amiamo anche Ricci).
E' stato epocale.
Grillo, davanti ai cancelli della Fiat, che parla con gli operai. E dice parole che nessuno ha avuto il coraggio di dire. Su tutte campeggia un proposta: cari operai Fiat perche' non vi mettete a costruire auto migliori, piu' ecologiche? Ma non e' un discorso teorico. Grillo e' arrivato con la famosa Twingo Smile progettata dagli ecologisti svizzeri (ne abbiamo parlato su Cacao, trovate tutti i dati tecnici su www.greenpeace.it) che consuma 3-3,5 litri di benzina per fare 100 chilometri. Non si tratta di una tecnologia spaziale o avveniristica. La Smile usa un motore da 358 cc (cioe' piccolo), e' stata il piu' possibile alleggerita, potenziata con un compressore e resa piu' aerodinamica con piccole modifiche della carrozzeria. Insomma e' un'auto che potrebbe essere tranquillamente prodotta dagli operai Fiat. Potrebbe costare 5000 euro. Ed e' la cosa ecologicamente migliore che possiamo avere, subito, intanto che si sviluppa la tecnologia dell'idrogeno.
Sarebbe l'auto dell'anno e Grillo si propone di occuparsi della pubblicita'.
E osserva anche che la Fiat non potrebbe neanche opporsi visto che a furia di finanziamenti a fondo perduto per migliaia di miliardi ce la siamo praticamente comprata (e ancora chiedono soldi per la cassa integrazione).
Questo e' il cuore della proposta di Beppe Grillo. Dice agli operai: siete nella merda perche' avete prodotto macchine di merda. Dovevate scioperare per costringere la Fiat a costruire auto ecologiche. Cosi' sarebbe stata competitiva. Smettetela di farvi intervistare che piangete depressi perche' vi licenziano. Mi fate stare male. Voi sapete costruire le macchine e potete costruire auto ecologiche. Fatelo. E conclude che lui un giorno e' andato a visitare i laboratori della Fiat e ha trovato che l'auto all'idrogeno l'avevano gia' costruita negli anni settanta. Ma era un segreto custodito sotto un telone impolverato...
Qualcuno la prendera' come una battuta da buffone questa proposta di Beppe Grillo.
Ma come e' possibile che un gruppo di operai prenda in gestione una fabbrica e riesca a mettere sul mercato migliaia di automobili a basso costo e alto risparmio ecologico?
E' chiaro che non e' possibile.
Ma esiste qualche cosa che sia possibile e che possa veramente salvare i 5000 della Fiat e i 15 mila delle fabbrichette che lavorano per la Fiat, dalla disoccupazione o dal lavoro nero?
No. E questo credo che sia chiaro a tutti. Nessuno ha la forza di fermare il crollo economico di un gigante come la Fiat. Al massimo potranno contrattare qualche indennizzo in piu' per gli operai Fiat e invece, quelli delle fabbrichette dell'indotto, via, pedalare.
In questa situazione, in questo momento, l'unica prospettiva per gli operai Fiat e dintorni e' la sconfitta, un po' piu' o un po' meno cocente.
L'unica via ipotizzabile e' in realta' la proposta di Grillo. E' una proposta tecnicamente possibile (esiste la macchina, esiste il progetto, le capacita' di realizzarla, le persone disposte a comprarla). L'impossibilita' della realizzazione del progetto di Beppe Grillo e' un problema culturale. L'idea che gli operai si mettano a fare impresa e' un salto mentale quantico. E non importa se ci sono state molte esperienze del genere in passato, con fabbriche occupate che continuavano a produrre e addirittura operai che hanno rilevato le fabbriche dove lavoravano perche' erano in crisi. E ce l'hanno fatta.
Comunque e' un'idea troppo lontana dall'idea di cio' che si puo' fare e di cio' che non si puo' fare.
Ma cazzo! E' solo una questione di modo pensare. Un vecchio preconcetto...
Pero', puta caso, che domani mattina Cofferati si alza che gli girano veramente le palle e va a Torino, davanti ai cancelli della Fiat e dice: "Ok ragazzi, facciamola questa cazzo di auto di Beppe Grillo.
Allora si' che lo vedresti quel che succede. Te lo giuro. Vedresti la classe operaia lavorare duro a inventare, migliorare, affinare. Vedresti l'auto ecologica italiana. Che fa cento chilometri con un litro di benzina e 20 cl di pipi'. Vedresti la gente che va a Torino a piedi e torna a casa in auto, con ancora dei pezzi da montare nel porta-bagagli. Vedresti le ragazze che giurano di far l'amore soltanto su auto "Classe Operaia Indipendente" modello 300. Vedresti un popolo che rinasce in dignita'. Ma non e' possibile. Tutti devono continuare a parlare e piangere e non fare niente di impossibile.
Pero' ricordati di quello che dice Sherlock Holmes: "Una volta che hai scartato tutte le ipotesi possibili ti restano solo le ipotesi impossibili."
Io non raccontero' alle mie nipotine che quando il mondo e' andato in pezzi ci siamo arresi tutti.
Jacopo Fo

La parola ai lettori...


Risposta al commento sugli SMS di beneficenza
Di: Lucio Rotunno

Forse il Nostro amico Andre non ha visto la puntata di Striscia la notizia di qualche giorno fa in cui parlarono proprio di questo argomento e intervistarono un dirigente dell'Omnitel: Alcuni utenti Omnitel che hanno schede prepagate hanno un sistema di addebito dei messaggi per cui ogni dieci messaggi inviati ti addebitano il costo di un Euro, cioe' dieci messaggi alla volta, per cui se tu mandi un messaggio di beneficenza del costo di un euro dopo che ne avevi mandati sette normali loro ti addebitano tutto insieme in una volta, quindi paghi un euro e settanta cent. Ecco spiegato l'arcano mistero. Saluti all'amico Andre e buon Natale a lui e a tutti voi.

---

Riceviamo e pubblichiamo...

Alcune sere fa sono andato a mangiare una pizza in un ristorante carino, con persone gentili e orgogliose del loro nuovo ristorante cosi come immagino sia capitato spesso di recente a molti di voi. Ma questo ristorante ha qualcosa in piu' del solito ristorante: LA LOCANDA DEI GIRASOLI e' nata dalla volonta' di alcuni genitori di ragazzi con la sindrome di Down di dare una prospettiva lavorativa ai loro figli e gia' oggi ci lavorano come camerieri Claudio, Valerio, Emanuela e Viviana. Purtroppo pero dare adeguata pubblicita' al ristorante che non e in una via molto frequentata (in zona Quadraro) e' assai difficile e se non riusciamo a farli conoscere in fretta le prospettive non sono molto allegre. Io vi posso garantire che la pizza e' buona, il locale e' carino ed economico e vale la pena di dar loro una mano.
Un primo aiuto e' far girare questo messaggio al maggior numero di amici possibile, se poi conoscete persone o uffici nella zona Appio-Tuscolano e' ancora meglio, se avete un amico giornalista che puo' dar pubblicita' alla loro esperienza, ancora meglio. Conto sulla vostra creativita' e sul vostro appetito.
L'indirizzo e': Locanda dei Girasoli Via dei Sulpici 117h Roma tel. 067610194

---

Meduse
Di: Matteo

"Meduse giganti Avvistata nella acquemarine del Gippone una medusa gigante. Un metro di larghezza per quasi 4 di lunghezza. Pesa 150 kg." Ma vi siete comprati un Gippone? E' veramente cosi' grande questo Gippone? belin ditemi dove l'avete comprato

---

Martino
Di: Lorenzo

E...se per ipotesi, tacesse!?

---

Bus a biometano
Di: Tiziana Vicalvi
Scusate se invado questo spazio, ma e' l'unico modo che ho trovato per comunicarvi questa notizia che forse vale la pena di pubblicare perche' e' veramente una BUONA notizia: (ANSAweb)- ROMA, 18 DIC - All'Aurelio e' entrata in funzione una nuova linea Atac, la 087 percorsa da bus alimentati a biometano, prodotto dai rifiuti della discarica di Malagrotta. Finalmenteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Speriamo che non sia il primo e l'ultimo. Baci e Auguri. Tiziana Vicalvi - Roma

---

Film porno
Di: Gian

Anni fa quando le tv private dovevano trasmettere i programmi in differita a livello regionale un dipendente di Silvio B. mando' in onda per alcuni minuti un film porno che stava guardando durante il lavoro....venne prontamente licenziato.

Riceviamo e pubblichiamo 1:

Ciao
,
vi mando un link per un sito che parla di Masanobu Fukuoka - un vecchio contadino giapponese, che durante gli ultimi 40 anni ha sviluppato un modo rivoluzionario di fare l'agricoltura (non zappa nemmeno!)...
http://FukuokaNaturalFarming.org
C'e' anche la traduzione in italiano del sito, pero' non e' ancora fatta bene (e' una traduzione automatica fatta da google). quindi, se potete, cercate di leggere le parti che sono originalmente in inglese.
ciao
pavle

Riceviamo e pubblichiamo 2:


Perche' la Tim non devolve interamente 1 euro invece di trattenersi i 17 centesimi???

Caserta24ore 13.12.2002. E' iniziata la maratona Telethon per la raccolta di fondi da destinare a chi ne ha bisogno. Tutti i media ne hanno sposato la giusta causa e tra questi anche le compagnie telefoniche. Segnaliamo il caso della TIM che ha pubblicizzato la raccolta di fondi anche tramite sms, e-mail. Ecco il testo del messaggio giuntoci via e-mail: "TIM AL FIANCO DI TELETHON NELLA LOTTA CONTRO LA DISTROFIA MUSCOLARE E LE ALTRE MALATTIE GENETICHE I Clienti TIM che vogliono aiutare la ricerca scientifica e partecipare alla battaglia di Telethon contro la distrofia muscolare e le altre malattie genetiche possono inviare, a partire da oggi fino al 15 dicembre 2002, un SMS al 44644 con testo libero. Il costo dell'SMS e' di 1 euro (IVA inclusa) e per ogni SMS inviato TIM devolvera' a Telethon 83 centesimi di euro. Sono escluse le utenze di servizio, dealers e multibusiness."

Ci chiediamo: MA PERCHE' NON FA BENEFICENZA ANCHE LA TIM, devolvendo interamente 1 euro invece di trattenersi i 17 centesimi???
http://digilander.libero.it/caserta24ore/news/dic02/14-12-tg.htm

 Ads

Iscriviti alle newsletter di CACAO

E' gratis! Inserisci il tuo indirizzo e-mail nei box qui sotto
 
Iscriviti a Cacao Il Quotidiano delle buone notizie comiche

Iscriviti - cancella



Iscriviti a Cacao della domenica


Iscriviti - cancella

 

 

Leggi la Privacy

People For Planet

Vacanze benessere!

I Video di Alcatraz Channel

Tutti i video della Libera Università di Alcatraz

Comitato Nobel per i disabili Onlus

Nuovo Comitato Il Nobel per i Disabili Onlus
FAI UNA DONAZIONE AL COMITATO

Bonifico Bancario - Vaglia Postale

Ecovillaggio Solare di Alcatraz

 Ecovillaggio Solare di Alcatraz
Vicino ad Alcatraz, in Umbria, stiamo costruendo un ecovillaggio immerso in una valle meravigliosa, silenziosa e incontaminata. Scopri qui il progetto

SITI AFFILIATI AL NOSTRO CIRCUITO

Cacao - Quotidiano di buone notizie comiche:
www.cacaonline.it

Merci Dolci srl:
www.commercioetico.it
www.mercidolci.it
www.energiaarcobaleno.com

Eleonora Albanese:
www.eleonoraalbanese.it

Cacao è una testata giornalistica regolarmente registrata presso il Trib. di Perugia Aut. n° 634 del 21/06/1982
Redazione:
Jacopo Fo, Simone Canova, Gabriella Canova, Maria Cristina Dalbosco
E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Domain Register: Associazione Cacao Libera Università di Alcatraz, S. Cristina di Gubbio 53, 06020 (PG) - PI: 00729540542