Investire il TFR nei Buoni Fruttiferi Postali: la scelta che conviene

Avete ricevuto la liquidazione per un cambio di azienda e siete spaventati all’idea di lasciare i soldi sul conto? Potete investirli nei Buoni Fruttiferi Postali.

Lasciare i risparmi fermi sul conto corrente non è una buona idea perché l’inflazione mangerà il potere d’acquisto dei soldi. Se entra una grossa somma meglio investirla in modo sicuro come con i Buoni Fruttiferi di Poste Italiane.

Investire nei Buoni Fruttiferi perché conviene
Investire nei Buoni Fruttiferi perché conviene (Cacaonline.it)

Negli ultimi anni gli italiani hanno iniziato a capire quanto sia importante investire i risparmi. Se si ha la fortuna di avere accumulato risparmi o di ottenere una grossa entrata perché lasciare che giorno dopo giorno questa somma si riduca? Meglio farla crescere nel tempo senza rischi di perdita del capitale. Questo è possibile grazie a strumenti di risparmio garantiti dallo Stato Italiano come i Buoni del Tesoro Poliennali (il BTp Valore ha avuto un successo incredibile) o i Buoni Fruttiferi di Poste Italiane.

Quest’ultimi sono i preferiti dei piccoli risparmiatori che hanno principalmente l’esigenza di tutelare il proprio denaro. Oltre alla citata garanzia dello Stato italiano presentano diversi vantaggi come la tassazione agevolata al 12,50%, l’assenza di costi di sottoscrizione e di gestione, la flessibilità del rimborso in qualsiasi momento. I rendimenti certo non sono altissimi ma promettono comunque interessanti guadagni.

Investire nei Buoni Fruttiferi, rendimenti e guadagni

Se avete ricevuto una grossa somma di denaro potreste valutare l’idea di sottoscrivere un Buono Fruttifero Postale per far aumentare l’importo nel tempo. I prodotti tra cui scegliere sono numerosi, si differenziano per durata e rendimenti. C’è il Buono 4 anni Plus con rendimento annuo lordo alla scadenza del 2,00%, il Buono Rinnova 4 anni dedicato a chi rinnova Buoni scaduti con rendimento del 2,50% e il Buono 3×2 con rendimento del 2,25% e durata di sei anni.

Rendimenti dei Buoni Fruttiferi, quale prodotto scegliere
Rendimenti dei Buoni Fruttiferi, quale prodotto scegliere (Cacaonline.it)

Tra le proposte il Buono risparmio sostenibile con rendimento del 2,00% e durata di 7 anni, il Buono 3×4 con rendimento del 2,50% e durata 12 anni e il Buono Ordinario, 2,75% per 20 anni di investimento. Come dimenticare il Buono per minori dal rendimento eccezionale del 6%. Come si traduce tutto questo in guadagni? Simuliamo l’acquisto di un Buono investendo 5 mila euro.

Scegliendo il Buono 3×2 si recupereranno 5.624,86 euro, con BTP 4 anni risparmio semplice 5.645,42 euro e con il Buono 4 anni plus 5.360,64 euro. Altre alternative sono il Buono 3×4 con valore di rimborso di 6.508,88 euro e il Buono Ordinario con valore di rimborso di 8.155,89 euro. Grazie al simulatore online di Poste Italiane potrete provare tutte le combinazioni desiderate per scegliere l’investimento a voi più congeniale.

Impostazioni privacy